Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Trombectomia: il dispositivo Solitaire-FR può migliorare gli esiti del ictus


I dati del Registro NASA ( North American Solitaire-FR Acute Stroke ), riguardo al dispositivo di rivascolarizzazione Solitaire-FR, hanno indicato che la combinazione per via endovenosa con l’attivatore tissutale del plasminogeno ( tPA ) nei pazienti con ictus dovrebbe migliorare gli esiti relativi a tPA endovenoso più intra-arterioso.

Buoni risultati clinici, definiti come punteggi Rankin modificati a 90 giorni non-superiori a 2, sono stati raggiunti dal 51.5% dei pazienti trattati con il dispositivo per la trombectomia Solitaire più tPA, rispetto al 40.8% dei pazienti trattati con tPA nello studio IMS III.

Lo studio IMS III non ha rilevato alcun beneficio aggiungendo un trattamento endovascolare alla trombolisi, rispetto alla sola terapia trombolitica.

Nello studio IMS III, i pazienti erano stati randomizzati a tPA con o senza terapia endovascolare. La scelta dell’impiego della terapia endovascolare era stata lasciata ai ricercatori di ogni singolo Centro, che potevano utilizzare tPA o un trattamento basato sul dispositivo o entrambi. La maggior parte dei pazienti ha ricevuto tPA.

Il reclutamento era stato interrotto precocemente quando una analisi ad interim aveva mostrato che la terapia combinata non era migliore del solo tPA.

Secondo Osama Zaidat del Medical College of Wisconsin a Milwaukee ( Stati Uniti ), il disegno dello studio IMS III rifletteva approcci interventistici storici che non sono più utilizzati nella pratica clinica.
I dati del registro Nord America Solitaire-FR Acute Stroke sembrano riflettere meglio lo stato attuale della terapia endovascolare.

Al momento della analisi, il Registro conteneva dati su 156 pazienti trattati con il dispositivo più tPA, e 198 pazienti trattati con il solo dispositivo.

L'età media dei pazienti era di 70 anni, e la metà dei pazienti era di sesso maschile. Le principali differenze tra i pazienti del Registro e quelli dello studio IMS III consistevano nelle proporzioni dei pazienti afro-americani ( 18% nel Registro e circa 11% nello studio IMS III ) e dei pazienti con fibrillazione atriale ( 43% nel Registro e circa 34% nello studio IMS-III ).

Oltre ai punteggi Rankin modificati a 90 giorni, sia i ricercatori del Registro Solitarie-FR sia quelli dello studio IMS III hanno anche preso in considerazione i risultati della rivascolarizzazione mediante la scala mTICI ( modified Thrombolysis In Cerebral Infarction ).

I punteggi di almeno 2b nella scala mTICI sono stati raggiunti dal 70% dei pazienti del Registro trattati con il dispositivo più tPA, rispetto al 40% dei pazienti IMS III trattati solamente con tPA.
Con un punteggio di 3 alla scala mTICI come criterio per il successo, la differenza è stata ancora più evidente: 41% dei pazienti trattati con terapia di combinazione nel Registro, contro 2% del gruppo di combinazione nello studio IMS III.

La sopravvivenza è risultata leggermente ridotta tra i pazienti del Registro, con una mortalità a 90 giorni nel gruppo di combinazione del 25%, rispetto al 19% nei pazienti sottoposti a tPA nello studio IMS III.

Riguardo agli esiti per i pazienti nel Registro trattati solamente con il dispositivo Solitaire ( senza trombolisi ), i punteggi alla scala Rankin modificata e i punteggi alla scala mTICI in questi pazienti al follow-up sono stati meno favorevoli, rispetto ai gruppi combinati in entrambi gli studi, e simili a quelli osservati nel gruppo trattato solo con tPA nello studio IMS III.

Il tasso di mortalità nei pazienti trattati solo con Solitarie è stato del 32%, rispetto al 22% per i pazienti che avevano ricevuto solo tPA nello studio IMS III. ( Xagena2013 )

Fonte: American Academy of Neurology ( AAN ) Meeting, 2013

Neuro2013 Farma2013 Chiru2013


Indietro