Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Trattamento farmacologico della demenza


Una review di Bonner LT e Peskind ER del Department of Psychiatry and Behavioral Sciences dell’University of Washington a Seattle ( Med Clin North Am 2002 ; 86: 657-674 ) ha fatto il punto della situazione sulla terapia farmacologica delle demenze.
Tra le demenze, la malattia di Alzheimer rappresenta la forma più diffusa.

L’attuale terapia delle disabilità funzionali e cognitive della malattia di Alzheimer consiste nell’associare un inibitore dell’acetilcolinesterasi agli alti dosaggi di vitamina E.

Gli inibitori dell’acetilcolinesterasi sono i soli farmaci approvati dall’FDA.
Questi farmaci hanno mostrato di essere efficaci nel trattamento dei deficit cognitivi , comportamentali e funzionali della malattia di Alzheimer.
Gli studi clinici , effettuati con la Tacrina , il Donepezil ( Aricept ) , la Rivastigmina ( Exelon ) e la Galantamina ( Reminyl ) , hanno tuttavia evidenziato come questi farmaci producano solo benefici nella forma lieve-moderata della malattia.

Il Donepezil , la Rivastigima e la Galantamina sono i farmaci di prima scelta nel trattamento della malattia di Alzheimer a causa dell’assenza di epatotossicità , della facilità di somministrazione , delle poche interazioni farmacologiche e dei ridotti effetti indesiderati.

Ci sono poche controindicazioni all’uso degli inibitori dell’acetilcolinesterasi.
Gli inibitori dell’acetilcolinesterasi devono essere impiegati con cautela nei pazienti che hanno una precedente storia di allergia o di reazione avversa a precedenti trattamenti con gli inibitori dell’acetilcolinesterasi, una grave malattia epatica , una preesistente bradicardia , un’ulcera peptica , alcoolismo , asma o broncopneumopatia cronica ostruttiva.

I più comuni effetti indesiderati prodotti da questi inibitori sono :
nausea , vomito , diarrea ed anoressia.
Gli effetti indesiderati gastroenterici possono essere minimizzati mediante un graduale aumento del dosaggio, la somministrazione con il cibo , un’ade guata idratazione ed eventualmente con l’impiego ( da limitare ) di un antiemetico.

La vitamina E ha dimostrato di rallentare la progressione della malattia di Alzheimer. Per il suo basso costo e per l’elevata tollerabilità è raccomandata in associazione agli inibitori dell’acetilcolinesterasi nel trattamento della malattia di Alzheimer.

L’FDA non ha invece approvato alcun farmaco per il trattamento della demenza a corpi di Lewy ( DLB , dementia with Lewy bodies ) e per la demenza vascolare ( VaD , vascular dementia ).

Uno studio di piccole dimensioni ha dimostrato che la Rivastigmina può risultare efficace nel trattamento della demenza a corpi di Lewy. Tuttavia il ruolo degli inibitori dell’acetilcolinesterasi in questa forma di demenza deve essere ancora chiarito.

Il trattamento della demenza vascolare , invece , è incentrato sul trattamento della malattia cerebrovascolare.


Carlo Franzini


Xagena2002


Indietro