Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Trattamento del tinnito cronico con stimolazione TBS


Uno studio ha valutato se 4 settimane di stimolazione magnetica transcranica ripetitiva bilaterale ( rTMS ) alla corteccia temporale o temporoparietale sono efficaci e sicure nel trattamento del tinnito cronico.

In questo studio controllato a 3 braccia, 48 pazienti con acufene cronico sono stati trattati con 4 settimane ( 20 sedute ) di stimolazione bilaterale continua theta ( cTBS ) presso l’Ospedale universitario di Tubinga.
Sono stati randomizzati a stimolazione della corteccia temporale, corteccia temporoparietale, o a stimolazione simulata dietro il mastoide.

I pazienti sono stati tenuti all’oscuro della condizione di stimolazione.

La gravità dell’acufene è stata valutata dopo 2, e soprattutto 4, settimane di trattamento e dopo 3 mesi di follow-up con il questionario sugli acufeni e da un cambiamento nel punteggio del tinnito.
La sicurezza audiologica è stata monitorata mediante audiometria tonale e vocale dopo 2 e 4 settimane di stimolazione cTBS.

La gravità dell’acufene è stata leggermente ridotta rispetto al basale in media di 2.6 dopo stimolazione simulata, 2.4 dopo stimolazione temporoparietale, 2.2 dopo stimolazione temporale di 16 pazienti ciascuno, ma non vi è stata alcuna differenza significativa tra i trattamenti simulato e temporale o cTBS temporoparietale o cTBS reale.

La valutazione globale dei cambiamenti dell’acufene dopo il trattamento dei pazienti non ha evidenziato alcun effetto.

Le misure audiologiche non sono state influenzate dal trattamento.

In conclusione, il trattamento del tinnito cronico per 4 settimane applicando cTBS alla corteccia temporale o temporoparietale di entrambi gli emisferi sembra essere sicuro, ma non più efficace della stimolazione simulata.
Tuttavia, questi risultati non devono essere generalizzati a tutte le forme di trattamenti di stimolazione magnetica transcranica ripetitiva bilaterale per l'acufene. ( Xagena2012 )

Plewnia C et al, Neurology 2012; 78: 1628-1634

Neuro2012



Indietro