Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Rituximab per la sclerosi multipla recidivante-remittente


Oltre l'80% delle persone con sclerosi multipla va incontro a un episodio di malattia recidivante-remittente.
Circa 10 anni dopo l'esordio della malattia, si stima che il 50% delle persone con sclerosi multipla recidivante-remittente ( RRMS ) sviluppi sclerosi multipla secondaria progressiva.

Un trattamento efficace per la sclerosi multipla, che riduca la frequenza delle ricadute e prevenga la progressione, potrebbe avere un impatto sia sui costi sia sulla qualità della vita e potrebbe contribuire a ridurre l'onere socioeconomico della malattia.
Sono necessari trattamenti per la sclerosi multipla alternativi e più efficaci, con nuove modalità di azione e una buona sicurezza per ampliare l’attuale gamma di trattamenti.

È stato dimostrato che i linfociti B sono coinvolti nella fisiopatologia della sclerosi multipla e che Rituximab ( MabThera ) lisa le cellule B tramite citotossicità complemento-dipendente e citotossicità cellulare anticorpo-dipendente.
Prove cliniche in corso stanno valutando il ruolo di Rituximab come terapia di deplezione delle cellule B nel trattamento della sclerosi multipla recidivante-remittente.

Sono state studiate la sicurezza e l'efficacia di Rituximab, in monoterapia o in terapia di combinazione, rispetto a placebo o a farmaci modificanti la malattia ( Interferone-beta, Glatiramer acetato, Natalizumab, Mitoxantrone, Fingolimod, Teriflunomide, Dimetilfumarato, Alemtuzumab ), nel ridurre l'attività della malattia per le persone con sclerosi multipla recidivante-remittente.

Sono stati quindi analizzati gli studi clinici randomizzati, in doppio cieco, controllati in parallelo con una lunghezza del follow-up pari o superiore a un anno, che abbiano valutato Rituximab senza restrizioni per quanto riguarda il dosaggio, la frequenza di somministrazione e la durata del trattamento.

È stato incluso uno studio che ha coinvolto 104 pazienti adulti con sclerosi multipla recidivante-remittente con un punteggio di ingresso minore o uguale a 5.0 alla scala EDSS ( Expanded Disability Status Scale ) e almeno una recidiva durante l'anno precedente.
Questo studio ha valutato Rituximab in monoterapia versus placebo, con un singolo ciclo di 1000 mg di Rituximab per via endovenosa ( giorno 1 e giorno 15 ).
Un significativo bias di attrito ( perdita di partecipanti ) è stato osservato alla settimana 48 ( 24.0% ).

I pazienti trattati con Rituximab hanno presentato una riduzione significativa del numero totale di lesioni captanti il Gadolinio alla settimana 24 ( numero medio 0.5 vs 5.5; riduzione relativa del 91% ) e del tasso annualizzato di ricadute alla settimana 24 ( 0.37 vs 0,.84 ), ma non alla settimana 48 ( 0.37 vs 0.72 ).
La progressione della disabilità non è stata inclusa come esito in questo studio.

Più pazienti nel gruppo Rituximab hanno mostrato eventi avversi entro 24 ore dopo la prima infusione ( 78.3% vs 40.0% ), come brividi, cefalea, nausea, piressia, prurito, affaticamento, irritazione della gola, dolore faringo-laringeo, e la maggior parte erano eventi da lievi a moderati ( 92.6% ).
Gli eventi avversi più comuni associati alle infezioni ( più del 10% nel gruppo Rituximab ) sono stati rinofaringite, infezioni del tratto respiratorio superiore, infezioni del tratto urinario e sinusite. Tra questi, solo le infezioni del tratto urinario ( 14.5% vs 8.6% ) e la sinusite ( 13.0% vs 8.6% ) sono state più comuni nel gruppo Rituximab.

In conclusione, non ci sono prove sufficienti per sostenere l'uso di Rituximab come terapia modificante la malattia per la sclerosi multipla recidivante-remittente perché è stato incluso un solo studio randomizzato controllato. La qualità dello studio è stata limitata a causa di alti bias di attrito, piccolo numero di partecipanti e breve follow-up.
Gli effetti benefici di Rituximab per la sclerosi multipla recidivante-remittente rimangono inconcludenti.
Tuttavia, il trattamento a breve termine con un singolo ciclo di Rituximab è risultato sicuro per la maggior parte dei pazienti con sclerosi multipla recidivante-remittente. Eventi avversi da lievi a moderati associati alle infusioni sono stati comuni, così come rinofaringite, infezioni del tratto respiratorio superiore, infezioni del tratto urinario e sinusite.
I benefici potenziali di Rituximab per il trattamento della sclerosi multipla recidivante-remittente devono essere valutati in studi di alta qualità su ampia scala con sicurezza a lungo termine. ( Xagena2013 )

He D et al, Cochrane Database Syst Rev 2013; 12:CD009130. doi: 10.1002/14651858.CD009130.pub3

Neuro2013 Farma2013


Indietro