Neurobase.it
Tumori testa-collo
XagenaNewsletter
Medical Meeting

Profilo di rischio degli aneurismi intracranici


La gestione degli aneurismi intracranici non-rotti asintomatici rimane controversa, e recenti studi prospettici di follow-up hanno dimostrato che il tasso di rottura degli aneurismi di piccole dimensioni è molto basso.
Questi risultati sono in contrasto con la constatazione che la maggior parte degli aneurismi rotti in pazienti con emorragia subaracnoidea sono di piccole dimensioni.

I dati epidemiologici e statistici sono stati ottenuti dal Portal Site of Official Statistics of Japan ( e-Stat ).

Dai dati selezionati sulla formazione di aneurisma, la prevalenza di aneurismi non-rotti è stata stimata pari a 1.45% e l'incidenza di emorragia subaracnoidea è stata calcolata essere 19.7/100000/anno in tutta la popolazione standardizzata.

È stata analizzata la funzione per il tasso di rottura costante nel tempo.
I valori selezionati per i tassi annuali di rottura di 0.3%, 0.5%, 0.7% e 1.0% hanno mostrato delle incongruenze nel rapporto tra la prevalenza di aneurisma non-rotto e l'incidenza di emorragia subaracnoidea.

Successivamente, è stata considerata la funzione per un breve periodo ad alto rischio seguito da un lungo periodo a basso rischio.
I tassi di rottura annui di 0.5%, 0.7% e 1.0% hanno indicato la compatibilità epidemiologica con tassi aggiuntivi di rottura precoce di 20%, 15% e 10%, rispettivamente.

In conclusione, questo studio ha indicato che alcuni aneurismi sanguinano brevemente dopo la formazione, perciò vengono raramente rilevati come aneurismi non-rotti.
La maggior parte degli aneurismi senza rottura precoce rimane stabile per il resto della vita attraverso un processo di guarigione, e quindi il trattamento di profilassi per gli aneurismi di piccole dimensioni non-rotti identificati accidentalmente non ha alcuna logica razionale. ( Xagena2011 )

Sato K et al, Stroke 2011; 42: 3376-3381


Neuro2011



Indietro