Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Nessun legame tra emorragia intracerebrale e impiego delle statine nei pazienti con precedente ictus


Tra i pazienti che hanno sofferto di ictus ischemico, l'uso delle statine, farmaci che abbassano il colesterolo LDL, non appare associato a emorragia intracerebrale.

Dopo un ictus o un attacco ischemico transitorio ( TIA ), i pazienti sono ad aumentato rischio di eventi ricorrenti.

I risultati dello studio SPARCL ( Stroke Prevention by Aggressive Lowering of Cholesterol Levels ) e dello studio HPS ( Heart Protection Study ) sono stati utilizzati per sviluppare lineeguida di pratica clinica che raccomandano la terapia con statine per prevenire ulteriori problemi cerebrovascolari.
Questo trattamento sembra essere associato a un ridotto rischio di ictus ischemico nei pazienti. Tuttavia, i dati aggregati di questi due studi suggeriscono un aumento considerevole di ictus emorragico correlato alla terapia con statine nei pazienti con storia di ictus o attacco ischemico transitorio.

Daniel G Hackam, dell’University of Western Ontario, London ( Canada ), e colleghi hanno condotto uno studio retrospettivo su sei banchedati sanitarie canadesi.
Nell’analisi sono stati inclusi 17.872 pazienti di 66 anni di età o più anziani, che sono stati ricoverati in ospedali dell'Ontario per ictus ischemico acuto nel periodo 1994-2008.

I pazienti sono stati seguiti a partire da120 giorni dopo la dimissione dall'ospedale fino a quando non hanno sviluppato emorragia intracerebrale, sono morti o hanno raggiunto l’endpoint dello studio stabilito per il 31 marzo 2010.

Il periodo di follow-up è stato, in media, di 4.2 anni
.
Durante il periodo osservazionale ci sono stati 213 episodi di emorragia intracerebrale; il tasso è risultato leggermente inferiore nei pazienti trattati con statine ( 2.94 vs 3.71 episodi per 1.000 pazienti-anno, rispettivamente ), ma la differenza non era statisticamente significativa.

L’ictus era emorragico nel 10.09% dei pazienti trattati con statine e nel 10.23% dei pazienti nel gruppo controllo.

L’analisi dei sottogruppi di pazienti e del dosaggio delle statine non hanno mostrato un'associazione tra l'uso di farmaci e l’emorragia intracerebrale.

Attualmente, ad oltre l'80% dei pazienti dimessi dall'ospedale con una diagnosi di ictus ischemico viene prescritta la terapia con statine.
Da questo ampio studio osservazionale non è emersa alcuna prova che tali pazienti siano a maggior rischio di emorragia cerebrale rispetto alle persone che non ricevono statine ( Xagena2011 ).

Fonte: Archives of Neurology, 2011



Neuro2011 Farma2011


Indietro