Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

L'ictus dopo procedura PCI più comune negli ultimi anni


L'incidenza di ictus ischemico dopo procedura PCI ( intervento coronarico percutaneo ) è bassa, ma è aumentata negli ultimi dieci anni, probabilmente a causa di un aumento dei pazienti con malattia complessa sottoposti a PCI.

I ricercatori hanno analizzato oltre 8 milioni di pazienti inclusi nel National Inpatient Sample che sono stati sottoposti a procedura PCI tra il 2003 e il 2016.
L'obiettivo è stato quello di calcolare l'incidenza di ictus post-PCI, identificarne i predittori e determinare gli esiti ospedalieri dei pazienti con ictus post-procedura rispetto a quelli non-sottoposti a PCI.

L'incidenza corretta di ictus ischemico post-PCI è aumentata dallo 0.6% nel 2003 allo 0.96% nel 2016 tra i pazienti con infarto miocardico con sopraslivellamento ST ( infarto STEMI ), dallo 0.5% nel 2003 allo 0.6% nel 2016 nei pazienti con infarto non-STEMI, e dallo 0.3% nel 2003 allo 0.72% nel 2016 nei pazienti con malattia ischemica stabile o angina instabile ( P per tendenza per tutti inferiore a 0.001 ).

I più forti predittori di ictus post-PCI erano la malattia carotidea ( odds ratio aggiustato, aOR=3.72; IC 95%, 3.58-3.87 ), shock cardiogeno ( aOR = 2.78; IC 95%, 2.67-2.88 ), fibrillazione atriale ( aOR = 1.8; IC 95%, 1.76-1.84 ) ed età avanzata ( aOR per anno = 1.018; IC 95%, 1.017-1.018 ).

I pazienti sottoposti a PCI in un Centro nel terzile con più alto volume di procedure PCI avevano meno probabilità di soffrire di un ictus dopo la procedura rispetto a quelli in un Centro nel terzile più basso o medio ( P per entrambi inferiore a 0.001 ).

L'uso di trombolitici, trombectomia meccanica e angiografia cerebrale era raro, con un incremento nel tempo.

In un'analisi per punteggio di propensione, la mortalità in ospedale è risultata più elevata tra coloro che avevano avuto un ictus post-PCI rispetto a quelli che non lo avevano ( STEMI, 23.5% contro 11%; non-STEMI, 9.5% contro 2.8%; malattia ischemica stabile o angina instabile, 11.5% vs 2.4%; P inferiore a 0.001 per tutti ).

L'ictus post-PCI è stato anche associato a un aumento più che doppio della durata della degenza, un aumento di oltre tre volte della dimissione in un luogo diverso da casa, e un aumento del 60% dei costi.

L'incidenza dell'ictus ischemico post-PCI è bassa ma è aumentata in modo significativo negli ultimi 10 anni, in parte a causa della crescente complessità dei pazienti trattati e delle stesse tecniche PCI. ( Xagena2019 )

Fonte: JACC Cardiovascular Interventions, 2019

Cardio2019 Neuro2019



Indietro