Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

L’Ibuprofene associato a ridotto rischio di malattia di Alzheimer


L’impiego prolungato dell’antinfiammatorio Ibuprofene è associato ad un più basso rischio di malattia di Alzheimer.

I Ricercatori hanno identificato 49.349 persone di 55 anni d’età o superiore, che avevano sviluppato la malattia di Alzheimer; il gruppo controllo era composto da 196.850 soggetti non-affetti da demenza.

Lo studio ha preso in esame i dati a 5 anni, e l’uso di diversi farmaci antinfiammatori non-steroidei ( FANS ).

Lo studio ha trovato che le persone che facevano uso degli antinfiammatori, ed in particolare dell’Ibuprofene, per più di 5 anni, presentavano una minore probabilità, 40% inferiore, di sviluppare la malattia di Alzheimer.

I risultati hanno anche mostrato che l’impiego protratto dell’Ibuprofene era associato ad un più basso rischio di demenza.

Inoltre, le persone che hanno fatto uso di alcuni FANS per più di 5 anni, presentavano una minore probabilità, 25% inferiore, di sviluppare la malattia di Alzheimer, rispetto a chi non faceva uso di questi farmaci.

Non tutti i FANS hanno mostrato di avere un impatto sulla riduzione del rischio di demenza. Ad esempio, il Celecoxib ( Celebrex ) non ha modificato il rischio di demenza.

Secondo Steven Vlad della Boston University School of Medicine, i risultati hanno indicato che l’effetto anti-Alzheimer può essere ascritto a farmaci antinfiammatori specifici, piuttosto che essere un effetto di classe.

L’Ibuprofene è il principio attivo di diversi farmaci, tra questi uno dei più noti è Algofen. ( Xagena2008 )

Fonte: American Academy of Neurology, 2008


Neuro2008 Farma2008


Indietro