Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Leucoaraiosi e rischio di recidiva di ictus nei pazienti con e senza fibrillazione atriale


È stata studiata l'associazione tra leucoaraiosi e rischio a lungo termine di recidiva di ictus aggiustando per punteggi clinici sviluppati e validati per la previsione del rischio di ictus, come CHADS2 ( insufficienza cardiaca congestizia, ipertensione, età a partire da 75 anni, diabete mellito e ictus o attacco ischemico transitorio [ TIA ] ) e CHA2DS2-VASc ( insufficienza cardiaca congestizia, ipertensione, età a partire da 75 anni, diabete mellito, ictus o attacco ischemico transitorio, malattia vascolare, età tra 65 e 74 anni, categoria di sesso ).

La popolazione in studio proveniva dall’Athens Stroke Registry ed è stata classificata in due sottogruppi in base alla presenza di fibrillazione atriale.

Sono stati valutati i predittori indipendenti di recidiva di ictus. Per verificare se la leucoaraiosi si sia aggiunta all'accuratezza prognostica dei punteggi CHADS2 e CHA2DS2-VASc, è stato usato il test del rapporto di verosimiglianza.

Tra 1.892 pazienti, 320 ( 16.9% ) presentavano leucoaraiosi e 670 ( 35.4% ) soffrivano di fibrillazione atriale.

Nella analisi di Kaplan-Meier, vi è stata una differenza significativa nella probabilità cumulativa di recidiva di ictus tra i pazienti con e senza leucoaraiosi nel gruppo non-fibrillazione atriale ( P minore di 0.01 ), ma non nel gruppo con fibrillazione atriale ( P=0.46 ).

All’analisi multivariata di Cox, la leucoaraiosi è risultata essere un significativo fattore predittivo indipendente di recidiva di ictus solo nel gruppo non-fibrillazione atriale, nei modelli aggiustati per i punteggi CHADS2 ( hazard ratio, HR=1.86 ) e CHA2DS2-VASc ( HR=1.82 ).

La leucoaraiosi non era un fattore predittivo di recidiva di ictus nel gruppo con fibrillazione atriale.

La leucoaraiosi non ha migliorato la precisione predittiva dei due punteggi, sia nel gruppo non-fibrillazione atriale ( C-statistica Harrell: 0.56 vs 0.59; P=0.31 per il modello che ha compreso CHADS2; 0.56 vs 0.59; [ P=0.44 ] per il modello che ha compreso CHA2DS2-VASc ) sia nel gruppo con fibrillazione atriale ( C-statistica di Harrell: 0.63 vs 0.62 per il modello che ha compreso CHADS2; 0.64 vs 0.64 per il modello che ha compreso CHA2DS2-VASc ).

In conclusione, la leucoaraiosi è un predittore indipendente di recidiva di ictus nei pazienti con ictus senza fibrillazione atriale.
Tuttavia, la leucoaraiosi non ha aumentato la precisione dei punteggi CHADS2 e CHA2DS2 -VASc nel prevedere la recidiva di ictus in pazienti con ictus con o senza fibrillazione atriale. ( Xagena2015 )

Ntaios G et al, Neurology 2015:84;1213-1219

Neuro2015 Cardio2015



Indietro