Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

La vaccinazione contro la febbre gialla aumenta il tasso di recidiva di sclerosi multipla


Un piccolo studio prospettico ha mostrato che i pazienti con sclerosi multipla recidivante-remittente hanno presentato un aumento maggiore di 10 volte del tasso di ricaduta della malattia dopo aver ricevuto la vaccinazione contro la febbre gialla.
Pertanto, la decisione sull'opportunità di somministrare il vaccino dovrebbe scaturire da un attento esame tra il rischio di esacerbazione di sclerosi multipla e la probabilità di esposizione al virus che causa la febbre gialla.

Il vaccino contro la febbre gialla è preparato con virus vivo attenuato.

La febbre gialla è una malattia potenzialmente mortale diffusa nelle regioni tropicali dell'Africa e in alcune parti del Sud America. Colpisce circa 200.000 persone ogni anno con 30.000 decessi. Sebbene non vi siano trattamenti per la malattia, il vaccino contro il virus della febbre gialla ceppo 17D-204 è risultato un mezzo preventivo sicuro ed efficace.

L’osservazione di 2 pazienti con aggravamento della sclerosi multipla dopo immunizzazione contro la febbre gialla ha spinto i ricercatori dell’Institute for Neurological Research di Buenos Aires ( Argentina ) a condurre uno studio.

Sono stati reclutati 7 pazienti ( 5 donne e 2 uomini, di età media 45 anni ) con sclerosi multipla recidivante-remittente che avevano ricevuto una singola dose di vaccino contro il ceppo 17D-204 prima di un viaggio.
Dopo la vaccinazione, i pazienti sono stati sottoposti a esami clinici, radiologici, e a valutazioni immunologiche a cadenza trimestrale per 2 anni.

Come soggetti di controllo, sono stati reclutati 7 pazienti non-vaccinati della stessa età e sesso affetti da sclerosi multipla, 7 pazienti della stessa età e sesso con sclerosi multipla vaccinati contro l’influenza, e 7 individui sani della stessa età e sesso.

La riacutizzazione di sclerosi multipla è stata definita come lo sviluppo di un nuovo sintomo o peggioramento di sintomi preesistenti della durata di almeno 48 ore, preceduti da stabilità della malattia o da miglioramento della durata di almeno 30 giorni.
Il periodo di rischio era compreso tra la prima e la quinta settimana dopo l'immunizzazione.

Durante il periodo a rischio, 5 dei 7 pazienti che hanno ricevuto il vaccino contro la febbre gialla ceppo 17D-204 sono andati incontri a esacerbazioni.
Quattro di questi 5 pazienti hanno presentato un significativo e persistente aumento nel punteggio EDSS ( Expanded Disability Status Scale ) a 1 anno dopo la riacutizzazione.
Le esacerbazioni di malattia sono state transitorie negli altri 3 pazienti.

Il tasso annuale di riacutizzazione nel periodo a rischio è risultato significativamente superiore a quello durante il periodo non-a-rischio ( 8.57 vs 0.67, rispettivamente ). Nel corso dei 2 anni di follow-up, il tasso complessivo annuo di esacerbazione è stato pari a 0.99.
Al contrario, l'immunizzazione contro l'influenza non ha influenzato il tasso annuale di riacutizzazione.

La risonanza magnetica per immagini ( MRI ) ha mostrato un numero medio significativamente più alto di lesioni in T2 nuove o più estese a 3 mesi dopo la vaccinazione contro la febbre gialla, rispetto al rimanente periodo di follow-up ( 2.6 vs 0.1 ), così come più lesioni captanti il Gadolinio ( 2.14 vs 0 ). ( Xagena2011 )

Fonte: Archives of Neurology, 2011


Neuro2011 Inf2011 Farma2011


Indietro