Neurobase.it
Tumori testa-collo
XagenaNewsletter
Medical Meeting

La febbre nella emorragia subaracnoidea


Un totale di 92 pazienti consecutivi sono stati ammessi alla Unità Intensiva di Neurologia con diagnosi di emorragia subaracnoidea non traumatica.
I pazienti erano classificati secondo il loro stato febbrile ( n = 38 ) ( temperatura supeiore ai 38,3 °C per almeno 2 giorni consecutivi ) o non febbrile ( niente febbre o episodi isolati di temperatura superiore ai 38,3 °C ).
Nel 26% dei pazienti in stato febbrile non è stata riscontrata alcuna origine infettiva.
La febbre nei pazienti con emorragia subaracnoidea è associata al vasospasmo ed a una prognosi non favorevole, indipendentemente dalla gravità dell’emorragia o dalla presenza di infezioni. ( Xagena2001 )

Oliveira-Filho J et al, Neurology 2001; 56: 1299-1304


Indietro