Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Incidenza di demenza in tre decenni nel Framingham Heart Study


Si prevede che la prevalenza della demenza salirà con l’aumento dell’aspettativa di vita media, ma recenti stime suggeriscono che l'incidenza della demenza età-specifica è in declino nei Paesi ad alto reddito.

Gli andamenti temporali sono meglio ricavati attraverso il monitoraggio continuo di una popolazione per un lungo periodo con l'uso di criteri diagnostici coerenti.
Sono descritti gli andamenti temporali dell’incidenza di demenza nel corso di tre decenni tra i partecipanti al Framingham Heart Study.

I partecipanti al Framingham Heart Study sono stati sotto sorveglianza per demenza incidente dal 1975.

In questa analisi, che ha riguardato 5.205 persone di 60 anni di età o più anziane, sono stati utilizzati modelli aggiustati per età e sesso per determinare l'incidenza a 5 anni di demenza durante ciascuna di quattro epoche.

Sono anche state esaminate le interazioni tra un'epoca e l'età, il sesso, lo stato di apolipoproteina E epsilon-4 ( APOE epsilon 4 ), e il livello di istruzione, e sono stati esaminati gli effetti di queste interazioni, così come gli effetti dei fattori di rischio vascolare e delle malattie cardiovascolari sulle tendenze temporali.

I tassi di rischio cumulativo a 5 anni aggiustati per età e sesso di demenza sono stati 3.6 per 100 persone durante la prima epoca ( dalla fine degli anni ‘70 all'inizio degli anni ’80 ), 2.8 per 100 persone durante la seconda epoca ( dalla fine degli anni ‘80 all'inizio degli anni ’90 ), 2.2 per 100 persone durante la terza epoca ( dalla fine degli anni ‘90 all’inizio degli anni 2000 ) e 2.0 per 100 persone durante la quarta epoca ( dalla fine degli anni 2000 all’inizio degli anni 2010 ).

Rispetto all’incidenza durante la prima epoca, l'incidenza è diminuita del 22%, 38% e 44%, rispettivamente, durante la seconda, terza, e quarta epoca.
Questa riduzione del rischio è stata osservata solo tra le persone che avevano almeno un diploma di scuola superiore ( hazard ratio, HR=0.77 ).

La prevalenza della maggior parte dei fattori di rischio vascolare ( ad eccezione di obesità e diabete ) e il rischio di demenza associata a ictus, fibrillazione atriale, o insufficienza cardiaca sono diminuiti nel corso del tempo, ma nessuna di queste tendenze spiega completamente la diminuzione dell'incidenza di demenza.

In conclusione, tra i partecipanti al Framingham Heart Study, l'incidenza di demenza è diminuita nel corso di tre decenni. I fattori che hanno contribuito a questo declino non sono stati completamente identificati. ( Xagena2016 )

Satizabal CL et al, N Engl J Med 2016; 374: 523-532

Neuro2016



Indietro