Neurobase.it
Tumori testa-collo
XagenaNewsletter
Medical Meeting

Impatto sull’esito del edema cerebrale globale dopo emorragia subaracnoidea


Uno studio compiuto presso il Dipartimento di Neurologia della Columbia University ha valutato l’impatto dell’edema cerebrale globale sull’outcome a 3 mesi in 374 pazienti con emorragia subaracnoidea ricoverati entro 5 giorni dal presentarsi dei sintomi nell’Unità di Cura Intensiva Neurologica.
Lo studio è stato effettuato tra il luglio 1996 ed il febbraio 2001.
L’edema cerebrale globale era presente alla tomografia computerizzata ( CT ) nell’8% ( n = 24 ) dei pazienti al momento del ricovero e si è sviluppato successivamente nel 12% ( n = 44 ).
L’edema globale all’ingresso era predetto dalla perdita di coscienza al momento dell’ictus e da un aumento del punteggio di Hunt-Hess , mentre l’edema globale ritardato era predetto dalle dimensioni dell’aneurisma superiori ai 10 mm , dalla perdita di coscienza al momento dell’ictus , dall’impiego dei vasopressori e dalla maggiore gravità dell’emorragia subaracnoidea.
A 3 mesi il 37% ( n = 137 ) dei pazienti è deceduto o presentava gravi invalidità ( Rankin Scale modificata 4-6 ).
La morte o la grave invalidità era predetta da un edema globale , dalle dimensioni dell’aneurisma superiori ai 10 mm , dalla perdita della coscienza al momento dell’ictus , dall’aumento dei punteggi NIHSS ( National Institutes of Health Stroke Scale ) e dall’età avanzata.
Da questo studio emerge che l’edema globale è un fattore indipendente di mortalità e di esito sfavorevole dopo emorragia subaracnoidea.
La perdita di coscienza , che riflette un arresto circolatorio cerebrale , è un fattore di rischio per l’edema globale al momento del ricovero, mentre l’ipertensione indotta dai vasopressori è associata allo sviluppo tardivo dell’edema globale.( Xagena2002 )
Claassen J et al , Stroke 2002 ; 33: 1225-1232


Indietro