Neurobase.it
XagenaNewsletter
Tumori testa-collo
Medical Meeting

Ictus emorragico, il trattamento precoce con rFVIIa riduce la mortalità e la disabilità


Uno studio condotto da Ricercatori della Columbia University ha dimostrato che il trattamento con il fattore VII attivato ricombinante entro 4 ore dall’inizio dell’emorragia intracerebrale è in grado di ridurre la mortalità e la disabilità.

Lo studio è stato eseguito su 399 pazienti, ai quali era stato diagnosticato un ictus emorragico mediante la tomografia computerizzata ( CT ) entro 3 ore dall’esordio.

I pazienti, entro 1 ora dall’esame CT, sono stati assegnati in modo casuale a ricevere placebo o rFVIIa a dosaggi diversi ( 40, 80, 160microg/kg ).

La mortalità tra i pazienti del gruppo placebo è stata del 29% contro il 18% tra i pazienti del gruppo rFVIIa.

L’incidenza di morte e grave disabilità è stata del 69% nel gruppo placebo e del 49-55% tra i pazienti trattati con i diversi dosaggi di rFVIIa.

Il 7% dei pazienti trattati con il fattore VII attivato è andato incontro a gravi reazioni avverse tromboemboliche, come infarto miocardico ed ictus ischemico, contro il 2% dei pazienti trattati con placebo. ( Xagena2005 )

Fonte: The New England Journal of Medicine, 2005

Neuro2005 Farma2005


Indietro