Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Fingolimod nel trattamento della sclerosi multipla recidivante-remittente


Fingolimod ( Gilenya ), un agonista del recettore S1P ( sfingosina 1-fosfato ), è il primo farmaco per via orale, e il primo di una nuova classe di terapie modificanti la malattia ad essere stato approvato negli Stati Uniti per il trattamento di forme recidivanti di sclerosi multipla.

Nell'Unione Europea, Fingolimod è stato approvato per uso come singolo farmaco modificante la malattia per pazienti selezionati con sclerosi multipla recidivante-remittente, molto attiva.

Fingolimod viene rapidamente convertito in vivo nella componente attiva S-Fingolimod-fosfato, che si lega con elevata affinità ai recettori S1P, sequestrando i linfociti all'interno dei linfonodi e prevenendo la loro uscita nella circolazione periferica.

Di conseguenza, vi è una riduzione dell'infiltrazione di linfociti autologhi che colpiscono il sistema nervoso centrale. Fingolimod-fosfato agisce anche come antagonista funzionale, in quanto il suo legame con i recettori S1P determina la loro internalizzazione e degradazione, inducendo una down-regulation dei recettori S1P di superficie cellulare dei linfociti.

Dal momento che Fingolimod attraversa la barriera emato-encefalica, potrebbe agire potenzialmente anche sui recettori S1P sulle cellule neuronali del sistema nervoso centrale per mitigare i processi neuropatologici associati alla sclerosi multipla.

In grandi studi clinici internazionali su pazienti adulti con sclerosi multipla recidivante-remittente, Fingolimod orale 0.5 mg/die è risultato più efficace del placebo per via orale ( FREEDOMS ) e dei dosaggi raccomandati di Interferone beta-1a ( IFN-beta; Avonex, Rebif ) intramuscolare ( TRANSFORMS ) nel ridurre la percentuale annualizzata di recidiva ed è stato, in generale, più efficacie nel rallentare la progressione della disabilità neurologica, la riduzione di peso e l'attività della malattia.

In questi studi, Fingolimod è stato generalmente ben tollerato, con una buona gestione degli effetti collaterali che si sono presentati, di gravità lieve-moderata; si sono verificati due decessi da infezioni opportunistiche, ma si sono verificati con Fingolimod dosato a 1.25 mg/die ( superiore al dosaggio raccomandato ).

I dati, seppur limitati, nel lungo periodo hanno indicato che, dopo 5 anni di trattamento con Fingolimod, non sono stati riscontrati nuovi problemi di sicurezza. Tuttavia, è necessaria una maggiore esperienza clinica per definire il profilo di sicurezza di Fingolimod a lungo termine, con particolare riguardo a qualsiasi evento potenzialmente grave o pericoloso per la vita.

La praticità della somministrazione orale mono-giornaliera e la migliore efficacia rispetto a IFN-beta-1a intramuscolare, fanno si che Fingolimod rappresenti una valida opzione emergente per il trattamento di pazienti adulti affetti da forme recidivanti di sclerosi multipla. ( Xagena2011 )

Scott LJ, CNS Drugs 2011; 25: 673-698


Farma2011 Neuro2011


Indietro