Neurobase.it
XagenaNewsletter
Tumori testa-collo
Medical Meeting

Farmaci antiepilettici nel trattamento delle epilessie farmacoresponsive e farmacoresistenti


Una review , pubblicata su Archives of Neurology , traccia un profilo sui recenti avanzamenti nella terapia dell’epilessia.

Epilessie farmacoresponsive

Nelle epilessie farmacoresponsive il trattamento deve essere effettuato in monoterapia con il farmaco più efficace per quel tipo di crisi epilettica.

a) Crisi generalmente primarie

La maggior parte dei pazienti risponde al Valproato (Depakin ).
Non esistono studi clinici che confrontano i nuovi farmaci antiepilettici con i più vecchi.
La Vigabatrina ( Sabril ) e la Tiagabina ( Gabitril) non sembrano efficaci nella maggior parte delle epilessie generalizzate primarie.

b) Crisi parziali

Solo pochi studi clinici hanno confrontato i nuovi farmaci antiepilettici con i più vecchi.
Oxcarbazepina ( Tolep ) è efficace quanto la Carbamazepina , ma meglio tollerata.
Inoltre l’Oxcarbazepina è efficace quanto la Fenitoina ed il Valproato.
Uno studio di confronto ha dimostrato che la Lamotrigina ( Lamictal ) è efficace quanto la Carbamazepina , ma con minori effetti indesiderati.
La Gabapentina ( Neurontin ) ha mostrato un’efficacia ed una tollerabilità simile alla Lamotrigina.

I farmaci efficaci per l’epilessia secondariamente generalizzata e parziale sono: Carbamazepina , Fenitoina , Gabapentina , Tiagabina ed Oxcarbazepina.


Epilessie farmacoresistenti

La politerapia è d’obbligo nei pazienti refrattari ai farmaci antiepilettici.

a) Crisi generalizzate primarie

Nella sindrome di Lennox-Gastaut il Felbamato ( Taloxa ) ha dimostrato di essere più efficace del placebo.
Il Topiramato ( Topamax ) è risultato efficace come terapia aggiuntiva nella crisi tonico-clonica e nella Sindrome di Lennox-Gastaut.
La Lamotrigina ha mostrato efficacia e tollerabilità come trattamento aggiunti vo dell’epilessia generalizzata farmacoresistente.
Negli spasmi infantili ( Sindrome di West ) la Vigabatrina è considereta farmaco di scelta, nonostante i possibili problemi oculari.

b) Crisi parziali

Cramer JA et al ( Epilepsy Res 2001; 47:17-25 ) hanno suddiviso i farmaci antiepilettici in due gruppi sulla base della percentuale di successo ( differenza tra percentuale di risposta ai farmaci antiepilettici e percentuale di risposta al placebo) :

1) percentuale di successo tra il 29% ed il 27%:
Levetiracetam , Oxcarbazepina , Topiramato;

2) percentuale di successo tra il 20% ed il 12%:
Gabapentina, Lamotrigina , Tiagabina , Zonisamide.
( Xagena2003 )

Fonte: Nguyen DK , Spencer SS , Arch Neurol 2003; 60:929-935



Neuro2003


Indietro