Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Eplerenone per cardiomiopatia precoce nella distrofia muscolare di Duchenne


La cardiomiopatia è una delle principali cause di morte nei pazienti con distrofia muscolare di Duchenne e il danno miocardico precede il declino della funzione ventricolare sistolica sinistra.
È stata valutata l'efficacia di Eplerenone ( Inspra ) in aggiunta alla terapia di base in pazienti con distrofia muscolare di Duchenne e con malattia miocardica in fase precoce.

In uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, ragazzi provenienti da 3 Centri negli Stati Uniti, con distrofia muscolare di Duchenne a partire da 7 anni di età, danno miocardico evidenziato da captazione tardiva di Gadolinio alla risonanza magnetica cardiaca, e frazione d'eiezione preservata, hanno ricevuto Eplerenone 25 mg oppure placebo per via orale, a giorni alterni per il primo mese di terapia e successivamente una volta al giorno, in aggiunta alla terapia con inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina ( ACE inibitori ) o bloccanti il recettore dell'angiotensina ( ARB; sartani ).

L'esito primario era rappresentato dal cambiamento nello strain circonferenziale ( Ecc ) del ventricolo sinistro a 12 mesi, una misura della disfunzione contrattile.
La sicurezza è stata stabilita attraverso i livelli sierici di potassio e la misurazione della cistatina C, una misura non-creatinina della funzione renale.

Tra il 2012 e il 2013, 188 ragazzi sono stati sottoposti a screening e 42 sono stati arruolati.
20 sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Eplerenone e 22 a ricevere placebo, di cui 20 nel gruppo Eplerenone e 20 nel gruppo placebo hanno completato le visite al basale, a 6 mesi e a 12 mesi.

Dopo 12 mesi, la diminuzione dello strain circonferenziale del ventricolo sinistro è risultata inferiore in coloro che hanno ricevuto Eplerenone rispetto a quelli che hanno ricevuto placebo ( mediana Delta Ecc 1.0 vs 2.2; P=0.020 ).

Le concentrazioni di cistatina C sono rimaste normali in entrambi i gruppi, e tutti i campioni di sangue non-emolizzato hanno evidenziato concentrazioni di potassio normali.

Un paziente di 23 anni nel gruppo placebo è morto di embolia lipidica, e un altro paziente nel gruppo placebo si è ritirato dallo studio per problemi digestivi presenti da tempo.
Tutti gli altri eventi avversi sono stati lievi: mal di testa di breve durata coincidente con allergie stagionali si è verificato in un paziente che ha assunto Eplerenone; vampate di calore si sono verificate in un paziente che ha assunto il placebo, e ansia si è verificata in un altro paziente trattato con placebo.

Nei ragazzi con distrofia muscolare di Duchenne e frazione d'eiezione preservata, l’aggiunta di Eplerenone alla terapia di base con ACE inibitori o sartani attenua il progressivo declino della funzione sistolica ventricolare sinistra.
Un uso precoce dei farmaci disponibili merita considerazione in questa popolazione ad alto rischio di morte cardiaca, ma sono necessari ulteriori studi per determinare l'effetto della terapia cardioprotettiva sulla sopravvivenza libera da eventi nella distrofia muscolare di Duchenne. ( Xagena2015 )

Raman SV et al, Lancet 2015;14:145-152

Neuro2015 Cardio2015 Farma2015


Indietro