Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Efficacia e sicurezza della stimolazione cerebrale profonda nella sindrome di Tourette


Le prove collettive hanno fortemente suggerito che la stimolazione cerebrale profonda ( DBS ) sia una terapia promettente per la sindrome di Tourette.
Sono state valutate l'efficacia e la sicurezza della stimolazione cerebrale profonda in una coorte di pazienti con sindrome di Tourette.

L’International Deep Brain Stimulation Database and Registry prospettico ha incluso 185 pazienti con sindrome di Tourette medicalmente refrattaria sottoposti a impianto di stimolazione cerebrale profonda dal 2012 al 2016, presso 31 Centri in 10 Paesi in tutto il mondo.

I pazienti con sintomi refrattari dal punto di vista medico hanno ricevuto l'impianto di stimolazione cerebrale profonda nella regione talamica centromediana ( 93 su 163, 57.1% ), globus pallidus internus anteriore ( 41 su 163, 25.2% ), globus pallidus internus posteriore ( 25 su 163, 15.3% ) e arto anteriore della capsula interna ( 4 su 163, 2.5% ).

Gli esiti principali erano i punteggi alla scala YGTSS ( Yale Global Tic Severity Scale ) e gli eventi avversi.

L’International Deep Brain Stimulation Database and Registry ha arruolato 185 pazienti ( di 171 con dati disponibili, 37 donne e 134 uomini, età media all'intervento, 29.1 anni ).

I sintomi del disturbo ossessivo-compulsivo erano presenti in 97 pazienti su 151 ( 64.2% ) e 32 su 148 ( 21.6% ) avevano una storia di comportamento autolesionistico.

Il punteggio medio alla scala YGTSS è migliorato da 75.01 al basale a 41.19 dopo 1 anno dall'impianto di stimolazione cerebrale profonda ( P minore di 0.001 ).

Il sottopunteggio di tic motorio medio è migliorato da 21.00 al basale a 12.91 dopo 1 anno ( P minore di 0.001 ), e il sottopunteggio di tic fonico medio è migliorato da 16.82 al basale a 9.63 a 1 anno ( P minore di 0.001 ).

Il tasso complessivo di eventi avversi è stato del 35.4% ( 56 su 158 pazienti ), con emorragia intracranica in 2 pazienti ( 1.3% ), infezione in 4 pazienti con 5 eventi ( 3.2% ) ed espianto della sonda in 1 paziente ( 0.6% ).

Gli effetti avversi più comuni indotti dalla stimolazione sono stati disartria ( 10, 6.3% ) e parestesia ( 13, 8.2% ).

In conclusione, la stimolazione cerebrale profonda è stata associata al miglioramento sintomatico nei pazienti con sindrome di Tourette ma anche a eventi avversi importanti. ( Xagena2018 )

Martinez-Ramirez D et al, JAMA Neurol 2018; 75: 353-359

Neuro2018



Indietro