Vertigini
Neurobase.it
Xagena Mappa
Tumori testa-collo

Effetti del controllo intensivo della pressione arteriosa rispetto al controllo standard sulla funzione cognitiva: sottostudio dello studio SPRINT


I risultati dello studio SPRINT ( Systolic Blood Pressure Intervention Trial ) hanno mostrato che il controllo intensivo della pressione arteriosa sistolica riduce significativamente l'insorgenza di un lieve deterioramento cognitivo, ma non una probabile demenza.
Sono stati studiati gli effetti dell'abbassamento intensivo della pressione sanguigna sistolica su specifiche funzioni cognitive in un sottostudio pre-pianificato dei partecipanti di SPRINT.

SPRINT era uno studio controllato randomizzato, multicentrico, in aperto, condotto in 102 siti, tra cui centri medici accademici, centri medici Veterans Affairs, ospedali e cliniche indipendenti, negli Stati Uniti e in Porto Rico.
I partecipanti erano adulti di età pari o superiore a 50 anni con pressione arteriosa sistolica superiore a 130 mm Hg, ma senza diabete, storia di ictus o demenza.

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a un obiettivo di pressione arteriosa sistolica inferiore a 120 mm Hg ( trattamento intensivo ) rispetto a meno di 140 mm Hg ( trattamento standard ).

Erano rappresentate tutte le principali classi di agenti antipertensivi.

Un sottogruppo di persone randomizzate ha incluso, ma non si è limitato a loro, i partecipanti arruolati in un sottostudio di risonanza magnetica selezionati per un simultaneo sottostudio della funzione cognitiva ( obiettivo 2.800 persone ).

Ogni individuo è stato valutato con una batteria di test cognitivi di screening e una batteria di test cognitivi estesa al basale e ogni due anni durante il follow-up programmato di 4 anni.

Gli esiti principali di questo sottostudio erano punteggi compositi standardizzati per la memoria ( Logical Memory I - II, Modified Rey-Osterrieth Complex Figure, Hopkins Verbal Learning Test-Revise ) e velocità di elaborazione ( Trail Making Test and Digit Symbol Coding ).

Dal 2010 al 2012, 2.921 partecipanti ( età media 68.4 anni, 1.080 donne, 37% ) che erano stati assegnati in modo casuale a SPRINT sono stati arruolati nel sottostudio: 1.448 hanno ricevuto il trattamento intensivo e 1.473 hanno ricevuto il trattamento standard.

SPRINT è stato interrotto anticipatamente a causa del beneficio osservato nell'esito primario ( composito di eventi cardiovascolari ).

Dopo un follow-up mediano di 4.1 anni non vi era alcuna differenza di memoria tra i gruppi, con una diminuzione annuale del punteggio medio standardizzato del dominio di −0.005 nel gruppo di trattamento intensivo e di −0.001 nel gruppo di trattamento standard ( differenza tra i gruppi −0.004, P=0.33 ).

Il trattamento intensivo per abbassare la pressione sistolica non ha comportato una differenza clinicamente rilevante rispetto al trattamento standard nella memoria o nella velocità di elaborazione in un sottogruppo di partecipanti dallo studio SPRINT.
L'effetto dell'abbassamento della pressione sanguigna potrebbe non essere evidente in domini specifici della funzione cognitiva, ma invece distribuito su più domini. ( Xagena2020 )

Rapp SR et al, Lancet Neurology 2020; 19: 899-907

Neuro2020



Indietro