Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Dieta, esercizio fisico, training cognitivo, e monitoraggio del rischio vascolare versus controllo per prevenire il declino cognitivo negli anziani a rischio


I fattori di rischio correlati allo stile di vita e i fattori di rischio vascolare modificabili sono stati associati con il rischio di demenza in studi osservazionali.

In FINGER ( Finnish Geriatric Intervention Study to Prevent Cognitive Impairment and Disability ), uno studio controllato e randomizzato, in doppio cieco, è stato valutato un approccio multidominio per prevenire il declino cognitivo degli anziani a rischio.

Sono stati arruolati soggetti di età compresa tra 60 e 77 anni reclutati da precedenti indagini nazionali.

I criteri di inclusione erano Dementia Risk Score CAIDE ( Cardiovascular Risk Factors, Aging and Dementia ) di almeno 6 punti e attività cognitiva a livello medio o leggermente inferiore al previsto per l'età.

I partecipanti sono stati randomizzati a un intervento di due anni multidominio ( dieta, esercizio fisico, formazione cognitiva, monitoraggio del rischio vascolare ), o a un gruppo di controllo ( consigli sulla salute ).
I valutatori di esito non erano a conoscenza dell’assegnazione di gruppo.

L'endpoint primario era rappresentato dal cambiamento nella attività cognitiva misurata attraverso punteggio Z di batteria completa di test per la valutazione neuropsicologica ( NTB ).

Le analisi erano intention-to-treat modificate ( tutti i partecipanti con almeno una osservazione post-basale ).

Tra il 2009 e il 2011, sono stati esaminati 2.654 individui e 1.260 sono stati assegnati in maniera casuale al gruppo di intervento ( n=631 ) o al gruppo di controllo ( n=629 ).

591 partecipanti al gruppo di intervento ( 94% ) e 599 nel gruppo di controllo ( 95% ) hanno avuto almeno una valutazione post-basale e sono stati inclusi nella analisi modificata intention-to-treat.

La variazione media stimata nel punteggio Z totale NTB a 2 anni è stata 0.20 nel gruppo di intervento e 0.16 nel gruppo di controllo.

La differenza tra gruppi nel cambiamento del punteggio totale della batteria di test per la valutazione neuropsicologica all'anno è stata pari a 0.022 ( P=0.030 ).

153 individui ( 12% ) hanno abbandonato lo studio.

Gli eventi avversi si sono verificati in 46 ( 7% ) partecipanti al gruppo di intervento rispetto a 6 ( 1% ) partecipanti al gruppo di controllo; l'evento avverso più frequente è stato il dolore muscolo-scheletrico ( 32 individui nel gruppo di intervento, 5%, vs nessuno nel gruppo di controllo ).

I risultati di questo grande studio, controllato e randomizzato, a lungo termine suggeriscono che un intervento a più domini potrebbe migliorare o mantenere le funzioni cognitive negli anziani a rischio. ( Xagena2015 )

Ngandu T et al, Lancet 2015;385:2255-2263

Neuro2015



Indietro