Neurobase.it
Tumori testa-collo
XagenaNewsletter
Xagena Mappa

Compromissione cognitiva nei pazienti con fibrillazione atriale correlata a terapia antitrombotica inadeguata


Tra i pazienti con fibrillazione atriale permanente, il deterioramento cognitivo può essere più comune in quelli con terapia antitrombotica subottimale, anticoagulanti orali o controllo della frequenza cardiaca.

È noto che la fibrillazione atriale aumenta il rischio di ictus e si associa a progressione del deterioramento cognitivo.
La terapia anticoagulante orale ha un ruolo chiave nella prevenzione di eventi cardioembolici nei pazienti con fibrillazione atriale.

In questo studio retrospettivo trasversale condotto da settembre 2013 a maggio 2014, sono stati esaminati i dati di 212 pazienti ambulatoriali consecutivi ( età media, 80 anni; intervallo interquartile, 75-84 anni; 45% uomini ) con fibrillazione atriale permanente della durata superiore a 1 anno.

Il questionario sullo stato mentale SPMSQ è stato utilizzato per valutare la compromissione cognitiva ( ovvero il numero di errori nel questionario pari a 5 o superiore ).
Sono stati esaminati: la storia di eventi cerebrovascolari / cardiovascolari e i fattori di rischio associati, i trattamenti farmacologici, il tipo di terapia antitrombotica, il tempo nell'intervallo terapeutico ( TTR; per i pazienti trattati con Warfarin [ Coumadin ] ) e il grado di controllo della frequenza cardiaca.

In questa coorte, il 38% dei pazienti aveva una storia di eventi cerebrovascolari o cardiovascolari, 94 e 93 pazienti assumevano Warfarin, rispettivamente, con TTR minore o uguale a 60% e con TTR maggiore di 60% ( 44% per entrambi ).

Il tempo nell'intervallo terapeutico nei partecipanti con versus senza deficit cognitivo è risultato significativamente più basso ( P inferiore a 0.001 ).
L'analisi della curva ROC ha indicato che il tempo TTR era associato a danno cognitivo ( area sotto la curva, 0.85 ± 0.03; IC al 95%, 0.77-0.88; P inferiore a 0.0001 ).

Le associazioni indipendenti tra deficit cognitivo e: eventi cerebrovascolari o cardiovascolari precedenti ( odds ratio [ OR ], 7.24; IC 95%, 1.37-38.25; P = 0.020 ), terapia con Aspirina [ Acido Acetilsalicilico ] versus terapia anticoagulante ( OR=24.74; IC 95%, 1.27 -482.12; P = 0.034 ), uso di Warfarin con tempo TTR inferiore o uguale a 60% ( OR=21,71; IC al 95%, 4.35-108; P inferiore a 0.001 ) e un hazard ratio giornaliero medio inferiore a 60 bpm [ battiti per minuto ] o superiore a 100 bpm ( OR=6.04; IC al 95%, 1.09-33.29; P = 0.039 ) sono stati stabiliti in una analisi di regressione logistica multivariata.

I limiti dello studio includevano: la piccola dimensione del campione, l'incapacità di stabilire una relazione causale tra le variabili e il fatto che nessuno dei partecipanti era trattato con anticoagulanti orali non-antagonisti della vitamina K ( NOAC ).

Sono necessari in futuro studi prospettici per valutare se un'adeguata terapia anticoagulante orale ( antagonisti della vitamina K con alti valori di TTR o anticoagulanti NOAC ) e un buon controllo della frequenza cardiaca potrebbero ridurre l'insorgenza di un deterioramento cognitivo nei pazienti con fibrillazione atriale permanente. ( Xagena2020 )

Fonte: Journal of Stroke and Cerebrovascular Diseases, 2020

Neuro2020 Cardio2020 Farma2020


Indietro