Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Attività cognitiva e memoria dopo Covid-19 in un ampio campione


I sintomi cognitivi dopo la malattia da coronavirus 2019 ( Covid-19 ), la malattia causata dal virus SARS-CoV-2, sono ben riconosciuti.
Non è chiaro se esistano deficit cognitivi oggettivamente misurabili e per quanto tempo persistano.

Sono stati invitati 800.000 adulti in uno studio in Inghilterra a completare una valutazione online della funzione cognitiva. È stato stimato un punteggio cognitivo globale in 8 attività.

Si è ipotizzato che i partecipanti con sintomi persistenti ( della durata di 12 settimane o più ) dopo l'insorgenza dell'infezione avrebbero avuto deficit cognitivi globali oggettivamente misurabili e che in tali partecipanti sarebbero stati osservati disturbi del funzionamento esecutivo e della memoria, specialmente in quelli che avevano riferito recentemente scarsa memoria o difficoltà a pensare o difficoltà di concentrazione ( nebbia cerebrale ).

Dei 141.583 partecipanti che hanno iniziato la valutazione cognitiva online, 112.964 l’hanno completata.

In un’analisi di regressione multipla, i partecipanti che si erano ripresi da Covid-19 e i cui sintomi si erano risolti in meno di 4 settimane o almeno 12 settimane avevano piccoli deficit simili nella cognizione globale rispetto a quelli del gruppo no-Covid-19, che non era stato infettato dal virus SARS-CoV-2 o aveva un’infezione non-confermata ( -0.23 SD e -0.24 SD, rispettivamente ); deficit maggiori rispetto al gruppo no-Covid-19 sono stati osservati nei partecipanti con sintomi persistenti irrisolti ( -0.42 SD ).

Deficit maggiori sono stati osservati nei partecipanti che avevano avuto un’infezione da virus SARS-CoV-2 durante periodi in cui il virus originale o la variante B.1.1.7 erano predominanti rispetto a quelli infettati con varianti successive ( ad esempio, -0.17 SD per la variante B.1.1. 7 rispetto alla variante B.1.1.529 ) e nei partecipanti che erano stati ricoverati in ospedale rispetto a quelli che non erano stati ospedalizzati ( ad esempio, ricovero in Unità di terapia intensiva, -0.35 SD ).

I risultati delle analisi sono stati simili a quelli delle analisi di corrispondenza per punteggio di propensione.
In un confronto tra il gruppo che presentava sintomi persistenti irrisolti e il gruppo no-Covid-19, i compiti di memoria, ragionamento e funzioni esecutive sono stati associati ai deficit maggiori ( da -0.33 a -0.20 SD ); questi compiti sono stati debolmente correlati ai sintomi recenti, tra cui scarsa memoria e confusione mentale.
Non sono stati segnalati eventi avversi.

I partecipanti con sintomi persistenti risolti dopo Covid-19 hanno avuto oggettivamente misurata una funzione cognitiva simile a quella dei partecipanti con sintomi di breve durata, sebbene Covid-19 di breve durata fosse ancora associato a piccoli deficit cognitivi dopo la guarigione.

La persistenza a lungo termine dei deficit cognitivi e le eventuali implicazioni cliniche rimangono incerte. ( Xagena2024 )

Hampshire A et al, N Engl J Med 2024; 390: 806-818

Neuro2024 Inf2024



Indietro