Vertigini
Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa

Associazione tra esposizione all'inibitore del fattore di necrosi tumorale ed eventi infiammatori del sistema nervoso centrale


Gli inibitori del fattore di necrosi tumorale ( TNF ) sono terapie comuni per alcune malattie autoimmuni, come l'artrite reumatoide.
È stata ipotizzata una associazione tra l'esposizione agli inibitori del TNF e gli eventi infiammatori del sistema nervoso centrale ( SNC ), ma è scarsamente compresa.

Si è valutato se l'esposizione agli inibitori del TNF sia associata a eventi infiammatori demielinizzanti e non-mielinizzanti del sistema nervoso centrale in pazienti con una indicazione per l'uso di inibitori del TNF, ed è stato descritto lo spettro di tali eventi a livello cerebrale.

È stato condotto uno studio caso-controllo nidificato utilizzando le cartelle cliniche di pazienti con malattie autoimmuni trattati presso tre sedi della Mayo Clinic ( Rochester, Minnesota; Scottsdale, Arizona; e Jacksonville, Florida ) tra il 2003 e il 2019.

I pazienti sono stati inclusi se le loro cartelle cliniche riportavano i codici diagnostici della International Statistical Classification of Diseases and Related Health Problems, decima revisione, per l'indicazione di malattia autoimmune approvata dalla FDA degli Stati Uniti per l'uso di inibitori del TNF ( ad esempio, artrite reumatoide, spondilite anchilosante, psoriasi e artrite psoriasica, malattia di Crohn e colite ulcerosa ) e codici diagnostici per eventi infiammatori del sistema nervoso centrale di interesse.

I pazienti sono stati abbinati con un gruppo controllo per anno di nascita, tipo di malattia autoimmune e sesso.
I dati sull'esposizione all'inibitore del TNF sono stati derivati ​​dalle cartelle cliniche insieme al tipo di inibitore del TNF, alla durata cumulativa dell'esposizione e al tempo di esposizione.

L'esito principale era un evento infiammatorio del sistema nervoso centrale demielinizzante ( sclerosi multipla e altre malattie come neurite ottica ) o non-demielinizzante ( meningite, meningoencefalite, encefalite, neurosarcoidosi e vasculite ).

L'associazione con l'inibitore del TNF è stata valutata e aggiustata per la durata della malattia per determinare gli odds ratio ( OR ).
Le analisi secondarie hanno incluso la stratificazione degli esiti in base a eventi infiammatori demielinizzanti e non-demielinizzanti del sistema nervoso centrale e malattie autoimmuni ( artrite reumatoide e artrite non-reumatoide ).

Sono stati inclusi 212 individui in totale: 106 pazienti con eventi infiammatori del SNC e 106 partecipanti di controllo senza tali eventi.
Di questi, 136 erano donne ( 64% ); l'età mediana all'esordio della malattia era di 52 anni.

L'esposizione agli inibitori del TNF si è verificata in 64 pazienti ( 60% ) e 42 partecipanti di controllo ( 40% ) ed è stata associata a un aumento del rischio di qualsiasi evento infiammatorio del SNC ( OR aggiustato, 3.01; P=0.001 ).

Questi risultati erano simili quando il risultato è stato stratificato per eventi del sistema nervoso centrale demielinizzanti e non-demielinizzanti.

Le analisi secondarie hanno rilevato che l'associazione è stata osservata prevalentemente nei pazienti con artrite reumatoide ( OR aggiustato, 4.82; P=0.005 ).

Lo studio ha rilevato che l'esposizione agli inibitori del TNF in pazienti con malattie autoimmuni sembra essere associata a un aumento del rischio di eventi infiammatori del sistema nervoso centrale.
Sono necessarie ulteriori ricerche per capire se questa associazione rappresenti percorsi infiammatori de novo o esacerbati. ( Xagena2020 )

Kunchok A et al, JAMA Neurol 2020; 77: 937-946

Neuro2020 Reuma2020 Farma2020


Indietro