Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Anticorpi anti-glicolipidi neutri nella encefalomieloradiculoneuropatia


Uno studio ha esaminato 4 pazienti con encefalomieloradiculoneuropatia ( EMRN ) e ha valutato gli autoanticorpi contro i glicolipidi neutri.
È stata studiata la progressione clinica, radiologica, neurofisiologica e i risultati del liquido cerebrospinale ( CSF ), così come gli anticorpi anti-glicolipidi neutri nel siero.

Tutti i pazienti hanno sviluppato debolezza motoria acuta o subacuta e alterati stati di coscienza.

Il liquido cerebrospinale ha mostrato pleocitosi e alta concentrazione di immunoglobuline G.

La risonanza magnetica ha rivelato lesioni nel cervello e nel midollo spinale.
Esami neurofisiologici hanno indicato una disfunzione del midollo spinale, delle radici nervose e dei nervi periferici.

L’immunoterapia pulsata con steroidi e/o alte dosi di terapia sostitutiva con immunoglobuline endovenose hanno portato a miglioramenti clinici chiari e spesso marcati.

La reattività agli anticorpi anti-glicolipidi neutri è stata positiva in tutti i pazienti con encefalomieloradiculoneuropatia acuta ma non in fase di recupero.
47 pazienti abbinati per età con altri disturbi neurologici e 28 volontari sani abbinati per età sono risultati negativi per la reattività agli anticorpi anti-glicolipidi neutri.

In conclusione, la risoluzione delle anomalie radiologiche e neurologiche e degli alterati titoli di autoanticorpi contro i glicolipidi neutri dopo l’immunoterapia suggeriscono che encefalomieloradiculoneuropatia è causata da un meccanismo immuno-mediato. Questi autoanticorpi possono essere biomarcatori utili per encefalomieloradiculoneuropatia. ( Xagena2014 )

Shima S et al, Neurology 2014; 82: 114-118

Neuro2014



Indietro