Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Agonisti dei recettori PPAR-gamma per prevenire ictus ricorrenti e altri eventi vascolari nei pazienti con ictus o attacco ischemico transitorio


Gli agonisti dei recettori gamma attivati dai proliferatori dei perossisomi ( PPAR-gamma ) sono farmaci insulino-sensibilizzanti utilizzati per il trattamento della insulino-resistenza.
Oltre alla riduzione del glucosio nel diabete mellito, questi farmaci possono anche proteggere contro l'iperlipidemia e l’arteriosclerosi, che sono fattori di rischio per l'ictus.

Sono state valutate l'efficacia e la sicurezza degli agonisti PPAR-gamma nella prevenzione secondaria di ictus e di eventi vascolari correlati nelle persone con ictus o attacco ischemico transitorio ( TIA ), mediante una revisione che ha incluso studi randomizzati controllati con placebo, con gli esiti di ictus ricorrente, eventi vascolari ed eventi avversi.

Sono stati individuati 4 studi eleggibili con 1.163 partecipanti; solo uno studio ha avuto un basso rischio di bias per tutti i domini.
I partecipanti in diversi studi erano eterogenei.
Il numero di partecipanti con ictus ricorrente è stato valutato in 2 studi, in cui gli agonisti PPAR-gamma hanno ridotto la ricorrenza di ictus rispetto al placebo ( rapporto di rischio RR=0.52 ).

Gli agonisti PPAR-gamma somministrati per una durata media di 34.5 mesi in un singolo studio hanno ridotto un esito composito di eventi totali di morte cardiovascolare, infarto miocardico non-fatale o ictus non-fatale ( RR=0.73 ).

I dati su ulteriori esiti compositi che riflettevano eventi avversi gravi ( mortalità per tutte le cause e altri eventi vascolari maggiori; mortalità per tutte le cause, infarto del miocardio non-fatale o ictus non-fatale ) sono stati simili, sebbene gli effetti non fossero statisticamente significativi.

Inoltre, due studi hanno misurato rispettivamente la sensibilità all'insulina e l'attività del sistema ubiquitina-proteasoma nelle placche carotidee con significative differenze di questi risultati fra gli agonisti PPAR-gamma e il placebo.

Nessuno degli studi ha riportato il numero di partecipanti con disabilità a causa di eventi vascolari o il miglioramento della qualità della vita.

Tre studi hanno riportato informazioni sugli eventi avversi. Gli eventi avversi frequenti hanno incluso: edema, insufficienza cardiaca e anemia.
L’evidenza che gli eventi avversi si sono verificati più frequentemente nei soggetti trattati con agonisti PPAR-gamma rispetto al placebo era imprecisa e incoerente ( differenza di rischio del 10%, I²=86% ).

Si può concludere che gli agonisti PPAR-gamma hanno dimostrato di ridurre la recidiva di ictus e gli eventi totali di morte cardiovascolare, infarto miocardico non-fatale o ictus non-fatale, e di migliorare la sensibilità all'insulina e la stabilizzazione delle placche carotidee.
Ci sono evidenze di qualità limitata che gli agonisti PPAR-gamma sono ben tollerati.
Tuttavia, i risultati dovrebbero essere interpretati con cautela considerando il piccolo numero e la qualità degli studi inclusi.
In futuro, studi randomizzati controllati in doppio cieco con grandi campioni dovranno verificare l'efficacia e la sicurezza degli agonisti PPAR-gamma nella prevenzione secondaria di ictus e di eventi vascolari correlati nelle persone con ictus o attacco ischemico transitorio. ( Xagena2014 )

Liu J, Wang LN, Cochrane Database Syst Rev 2014; 1:CD010693. doi: 10.1002/14651858.CD010693.pub2

Neuro2014 Farma2014


Indietro