XXIII World Congress of Neurology
Amsterdam congress
Tumori testa-collo

Emicrania correlata a ictus ischemico da dissezione dell'arteria cervicale


Uno studio ha trovato una associazione tra emicrania e ictus ischemico causato da dissezione dell'arteria cervicale ( CEAD ).

Fino al 20% degli ictus nei giovani adulti hanno alla base la dissezione dell'arteria cervicale, che è la principale causa di ictus in questa popolazione.
Tuttavia, pochi studi hanno fatto luce sui meccanismi di questa correlazione, e non è chiaro come certi fattori possano influenzare il rischio di malattia.

L’emicrania ad esempio ha dimostrato di essere più diffusa tra i pazienti con, rispetto ai senza, ictus ischemico da dissezione dell'arteria cervicale, e alcuni risultati suggeriscono che questa connessione può essere più forte per l'emicrania con aura rispetto all’emicrania senza aura.

Il nuovo studio ha coinvolto un campione di 2485 pazienti di età compresa tra 18 e 45 anni ( 46.8% donne ) come parte dell’Italian Project on Stroke at Young Age, un grande Registro di pazienti con ictus ischemico a esordio in giovane età.
Il Registro raccoglie i dati sui pazienti dei Centri neurologici di 26 ospedali.

Sono state studiate le potenziali differenze nella frequenza di emicrania e i sottotipi tra i pazienti con e senza ictus ischemico da dissezione dell’arteria cervicale.
In aggiunta a queste misure dell’esito principale, sono state anche esaminate le caratteristiche dei pazienti colpiti da ictus ischemico da dissezione dell’arteria cervicale con e senza emicrania.

I risultati hanno rivelato che il 13.4% dei pazienti ha manifestato ictus ischemico da dissezione dell’arteria cervicale, mentre l’86.6% non ha presentato ictus ischemico da dissezione dell’arteria cervicale.

Il gruppo ictus ischemico da dissezione dell’arteria cervicale aveva più alti tassi di emicrania rispetto al gruppo non-CEAD ( 30.8% vs 24.4%, P= 0.01 ).
Questa differenza era dovuta soprattutto all'emicrania senza aura ( 24.0% vs 15.6%, P inferiore a 0.001 ), che era associata in modo indipendente a ictus ischemico da dissezione dell’arteria cervicale ( odds ratio, OR=1.74; IC 95%, 1.30-2.33 ).

Questa associazione era più forte tra i pazienti di sesso maschile ( OR=1.99; IC 95%, 1.31-3.04 ) e quelli di età inferiore ai 39 anni ( OR=1.82; IC 95%, 1.22-2.71 ).
Inoltre, i pazienti con ictus ischemico da dissezione dell’arteria cervicale, con e senza emicrania, avevano profili di rischio simili in termini di fattori come ipertensione e diabete mellito ( 19.4% vs 24.7%, P=0.29, e 10% vs 1.3%, P inferiore a 0.99, rispettivamente ).

Lo studio ha indicato che una storia di emicrania è un marcatore per il rischio aumentato di ictus ischemico da dissezione dell’arteria cervicale, così come è un fattore di suscettibilità putativo per dissezione dell’arteria cervicale, indipendentemente dalle sue caratteristiche cliniche.
I potenziali meccanismi alla base di questa associazione includono la condivisione della suscettibilità genetica e della disfunzione endoteliale.
I risultati sottolineano la necessità di ulteriori analisi per indagare la natura e i meccanismi di rischio elevato negli emicranici e di chiarire se il rischio riguarda solo i sottogruppi specifici di pazienti con emicrania. ( Xagena2017 )

Fonte: JAMA Neurology, 2017

Neuro2017



Indietro