XVII Congresso Nazionale SIRN
Amsterdam congress
XXIII World Congress of Neurology

L’ipertensione ad insorgenza molto tardiva correlata a più basso rischio di demenza


Lo sviluppo molto tardivo dell’ipertensione può essere protettivo nei confronti della demenza, almeno se l’esordio si verifica dopo gli 80 anni.

In una coorte di oltre 500 soggetti di età media 93 anni, coloro che avevano sviluppato ipertensione all’età compresa tra 80 e 90 anni avevano un rischio del 42% inferiore di demenza rispetto a quelli senza ipertensione, e quelli che l’hanno sviluppata dopo i 90 anni avevano un rischio del 63% inferiore.

Quest'ultima associazione è rimasta significativa anche dopo aggiustamento per l'uso di qualsiasi trattamento antipertensivo.

Questo è il primo studio che ha valutato la correlazione tra ipertensione e demenza tra le persone più anziane, e ha evidenziato che alcuni fattori di rischio di demenza possono cambiare nel corso della vita.

Era già stato dimostrato che l'ipertensione insorta nella mezza età può aumentare il rischio di demenza in età avanzata.
L’obiettivo di questo studio è stato quello di indagare cosa succede alle persone che sviluppano ipertensione in età avanzata.

Lo studio 90+, basato sulla popolazione, ha preso in esame coloro che erano sopravvissuti al Leisure World Cohort Study, che aveva coinvolto 14.000 membri di una comunità di pensionati della California.

L’attuale analisi dello studio 90+ ha incluso 559 soggetti ( 71% donne, 99% bianchi ), senza demenza all'inizio dello studio.

La storia di ipertensione e l'età di esordio sono state auto-riportate nei questionari, e la misurazione della pressione arteriosa è avvenuta al basale.

Le valutazioni cognitive comprendevano le scale MMSE ( Mini-Mental State Examination ) e MMSE modificata, CDRS ( Clinical Dementia Rating Scale ), FAQ ( Functional Activities Questionnaire ), DQ ( Dementia Questionnaire ), e CASI ( Cognitive Abilities Screening Instrument ).

Nel corso di un follow-up medio di 2.8 anni, 224 soggetti hanno sviluppato demenza e il 61% ha riportato diagnosi di ipertensione.

Della coorte, il 28% ha riferito insorgenza di ipertensione prima di 70 anni di età, e il 19% ha riportato insorgenza dopo 80 anni.

Sebbene il rischio di sviluppare demenza fosse significativamente più basso per i soggetti con esordio dell’ipertensione nel periodo di età compreso tra 80 e 89 anni o dopo 90 anni, rispetto a quelli senza storia di ipertensione, non sono emerse associazioni significative per coloro la cui insorgenza era avvenuta prima di 80 anni.

Dopo aggiustamento per l'impiego dei farmaci antipertensivi, il rapporto di rischio ( hazard ratio, HR ) per la demenza nel gruppo più anziano era ancora significativamente più basso a 0.38 ( intervallo di confidenza al 95%, 0.19-0.76; P = 0.007 ).

Anche se non statisticamente significativo, il rischio di demenza è risultato diminuito con l’aumento della gravità dell'ipertensione.

L’ipertensione con insorgenza molto avanzata nel corso della vita può rappresentare un meccanismo fisiologico di compensazione per mantenere un'adeguata perfusione cerebrale di fronte ai cambiamenti vascolari associati all'età. ( Xagena2017 )

Fonte: Alzheimer’s & Dementia, 2017

Neuro2017 Cardio2017



Indietro