Mediexplorer
OncologiaMedica.net
Ematologia.net

La ripresa della terapia anticoagulante orale dopo emorragia intracerebrale è associata a diminuzione della mortalità e a un esito funzionale favorevole


Il riavvio della terapia anticoagulante orale dopo emorragia intracerebrale ( ICH ) è associato a esiti favorevoli.

E’ stata condotta una meta-analisi di 3 studi riguardanti l’emorragia intracerebrale: RETRACE ( German-wide Multicenter Analysis of Oral Anticoagulation-Associated ICH ), MGH ( Massachusetts General Hospital ), ERICH ( Ethnic/Racial Variations of ICH ).

I ricercatori erano interessati a verificare l'effetto della sede dell’emorragia intracerebrale sugli esiti dopo la ripresa della terapia anticoagulante orale.

I casi di emorragia intracerebrale non-lobare e lobare sono stati separatamente analizzati utilizzando modelli multivariati ( regressione di Cox ).

Lo studio ha riguardato 641 casi di emorragia intracerebrale non-lobare e 386 casi in sede lobare.

Il 28% dei pazienti con emorragia intracerebrale non-lobare ha ripreso la terapia anticoagulante orale contro il 23% dei pazienti con emorragia lobare.

Il volume dell’emorragia intracerebrale, il punteggio CHADS2 e il punteggio HAS-BLED sono risultati associati alla reintroduzione della terapia sia nella emorragia con sede lobare sia in quella non-lobare ( tutti P maggiore di 0.20 ).
Solo la scala mRS ( modified Rankin Scale ) alla dimissione nell’emorragia lobare era associata alla ripresa della terapia anticoagulante ( P=0.011 ).

Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che il riavvio dell’assunzione dell’anticoagulante orale nell’emorragia non-lobare era associato a una diminuzione della mortalità nelle analisi multivariate ( hazard ratio, HR=0.22; IC 95%, 0.16-0.30; P inferiore a 0.0001 ) e a un miglior risultato funzionale ( HR=5.12; IC 95%, 3.86-6.80; P inferiore a 0.0001 ) a 1 anno.

Dopo emorragia lobare, la ripresa dell’anticoagulante orale era anche associata a ridotta mortalità ( HR=0.25; IC 95%, 0.17-0.38; P inferiore a 0.0001 ) e a un esito funzionale favorevole ( HR=4,89; IC 95%, 3.25-7.36; P inferiore a 0. 0001 ).
E’stata anche evidenziata la diminuzione del rischio di ictus ricorrente a 1 anno al riavvio della terapia anticoagulante orale sia nei soggetti che avevano sofferto di una emorragia in sede non-lobare ( P=0.22 ) sia in sede lobare ( P=0.059 ). ( Xagena2017 )

Fonte: International Stroke Conference, 2017

Neuro2017 Farma2017


Indietro