XXIII World Congress of Neurology
XVII Congresso Nazionale SIRN
Amsterdam congress

CD27, un possibile biomarcatore per la progressione da sindrome clinicamente isolata a sclerosi multipla


Secondo uno studio, i livelli di CD27 nel liquido cerebro-spinale ( CSF ) potrebbero rappresentare un potenziale biomarcatore clinico dopo un primo episodio demielinizzante per aiutare a definire quali pazienti avranno maggiore probabilità di sviluppare la sclerosi multipla e il grado di aggressività della malattia.

CD27 è un recettore delle cellule T, e le cellule T si ritiene svolgano un ruolo chiave nella sclerosi multipla. CD27 è rilevabile nel liquido cerebrospinale.

Nello studio, i ricercatori dell’Erasmus Medical Centre ( Rotterdam, Olanda ) hanno dimostrato che i pazienti con sindrome clinicamente isolata che avevano livelli più alti di CD27 nel liquido cerebro-spinale avevano una maggiore probabilità di sviluppare sclerosi multipla, e per coloro che hanno sviluppato sclerosi multipla un più elevato livello di CD27 era associato alla forma più attiva della malattia.

Questo è, tuttavia, uno studio preliminare che deve essere confermato in altri gruppi di pazienti e con un follow-up più lungo. Se i risultati dovessero essere replicati in un campione più ampio, CD27 potrebbe diventare un biomarcatore per valutare l'attività della sclerosi multipla.

Per lo studio, i ricercatori hanno misurato i livelli di CD27 solubile ( sCD27 ) in 77 pazienti con un primo episodio di malattia demielinizzante tra il 2002 e il 2015; i dati sono stati confrontati con 30 pazienti ( gruppo controllo ) sottoposti a puntura lombare per ragioni diverse dalla malattia neuroinfiammatoria.

E’emerso che i livelli di CD27 solubile erano significativamente più alti nei pazienti con sindrome clinicamente isolata ( media, 31.3 U/mL ), rispetto ai controlli ( media, 4.7 U/mL ).

I livelli di sCD27 sono anche risultati significativamente aumentati nei 39 pazienti con sindrome clinicamente isolata con futura diagnosi di sclerosi multipla ( media, 42.0 U/mL vs 23.2 U/mL per coloro che non hanno sviluppato sclerosi multipla ).

Inoltre, i pazienti con sindrome clinicamente isolata e alti livelli di sCD27 hanno presentato un più breve tempo alla diagnosi di sclerosi multipla, rispetto ai pazienti con bassi livelli di sCD27.

Dopo aggiustamento, l’analisi di regressione di Cox ha mostrato che sCD27 è un fattore predittivo indipendente per il tempo alla diagnosi di sclerosi multipla.
L'hazard ratio ( HR ) era 2.4 per un incremento di 100 U/mL di sCD27.

Lo studio ha anche trovato che nei pazienti che hanno avuto un secondo episodio clinico, quelli con livelli di sCD27 al di sopra del valore mediano avevano un tasso di recidive annualizzato, 5.5 volte più elevato, durante il follow-up rispetto a quelli con livelli sCD27 al di sotto della mediana.

Tuttavia, il titolo di sCD27 non è risultato correlato alla disabilità misurata alla scala EDSS ( Expanded Disability Status Scale ) più tardi nel corso della malattia.
Tuttavia solo 3 pazienti hanno raggiunto un punteggio EDSS di 4 o superiore, e tutti questi avevano livelli elevati di sCD27 ( superiore al valore mediano ).

Un totale di 21 pazienti su 77 con sindrome clinicamente isolata avevano livelli sCD27 inferiori al livello massimo dei controlli, e questi pazienti hanno presentato un decorso meno attivo.

In un'analisi multivariata, l'associazione tra i livelli di sCD27 e la futura diagnosi di sclerosi multipla si è mantenuta anche dopo aggiustamento per i fattori predittivi noti, come le bande oligoclonali, indice di IgG, e anomalie alla risonanza magnetica per immagini ( MRI ).

Ad oggi, la risonanza magnetica e le bande oligoclonali rimangono elementi base per la stratificazione del rischio nella sindrome clinicamente isolata. ( Xagena2017 )

Fonte: JAMA Neurology, 2017

Neuro2017 Diagno2017



Indietro