Mediexplorer
Gastroenterologia.net
Cardiologia.net

Anticorpi umani contro neurexina-3-alfa associati a encefalite e alterato sviluppo delle sinapsi


È stata segnalata una nuova encefalite autoimmune in cui gli anticorpi hanno come target la neurexina-3-alfa, una molecola di adesione delle cellule coinvolta nello sviluppo e funzione delle sinapsi.

Sono stati selezionati 5 pazienti con encefalite e anticorpi con un modello simile di reattività cerebrale.

L’immunoprecipitazione e i saggi cellulari hanno identificato neurexina-3-alfa come autoantigene degli anticorpi dei pazienti.

Tutti e 5 i pazienti (età media 44 anni; 4 donne) presentavano febbre prodromica, mal di testa, o sintomi gastrointestinali, seguiti da confusione, convulsioni e diminuzione del livello di coscienza.

2 pazienti hanno sviluppato discinesia orofacciale lieve, 3 hanno avuto bisogno di supporto respiratorio e 4 avevano propensione all’autoimmunità.

Il liquido cerebrospinale era anormale in tutti i pazienti ( 4 pleiocitosi, 1 elevato indice di immunoglobulina G, IgG ) e la risonanza magnetica del cervello era anormale in 1 ( aumento del recupero di inversione attenuata dal liquido, pesata in T2, nei lobi temporali ).

Tutti hanno ricevuto steroidi, 1 immunoglobulina per via endovenosa e 1 Ciclofosfamide; 3 hanno parzialmente recuperato, 1 è morto di sepsi durante il recupero e 1 ha avuto una rapida progressione verso la morte.

All'autopsia, è stato identificato edema ma non le cellule infiammatorie.

Le colture di neuroni esposti durante i giorni in vitro 7-17 alle IgG dei pazienti hanno mostrato una diminuzione dei cluster di neurexina-3-alfa nonché del numero totale delle sinapsi.

Nessuna riduzione delle sinapsi si è verificata nei neuroni maturi ( giorni in vitro 18 ) esposti per 48 ore alle IgG dei pazienti.

La sopravvivenza neuronale, la morfologia dendritica e la densità della colonna vertebrale non sono state influenzate.

In conclusione, gli autoanticorpi neurexina-3-alfa sono associati a una grave encefalite ma potenzialmente curabile in cui gli anticorpi causano una diminuzione di neurexina-3-alfa e alterano lo sviluppo delle sinapsi. ( Xagena2016 )

Gresa-Arribas N et al, Neurology 2016; 86: 2235-2242

Neuro2016



Indietro